Random Article


Avonmore di Bryan Ferry: quando l’eleganza non ha età

 

 
Scheda
 

Autore: Bryan Ferry
 
Titolo: Avonmore
 
Etichetta: BMG
 
Anno: 2014
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
2 total ratings

 

Aspetti positivi


Grande eleganza e perfezione sonora

Aspetti negativi


È sempre il “solito”, incantevole Bryan Ferry...


In sintesi

Avonmore è il quindicesimo album in studio di Bryan Ferry, uscito, quasi a sorpresa, nel mese di novembre 2014.

0
Posted venerdì, 23 Gennaio 2015 by

 
La nostra recensione
 
 

Bryan Ferry, AvonmoreA fine novembre 2014 è uscito, quasi a sorpresa, il nuovo album di Bryan Ferry, Avonmore.

Fin dalle prime note del brano d’apertura, Loop De Li, risulta evidente in quale territorio sonoro ci stiamo avventurando. È il mondo scintillante, irresistibilmente chic e raffinato dell’eterno dandy del rock, Bryan Ferry. E se l’apertura dell’album, con il brano già citato, e con il successivo, Midnight Train, richiama scopertamente le sonorità e le atmosfere dei tardi Roxy Music di Avalon, gli altri pezzi si rifanno alle produzioni successive dell’artista. Chi, come il sottoscritto, ha amato dischi come Boys and Girls e, più ancora, Bête Noire, proverà un sottile, ma in fondo rassicurante, senso di deja vu.

Forse, ad ascoltare meglio questo nuovo lavoro di Ferry – il quindicesimo della sua lunga e fortunata carriera da solista dopo l’avventura con la band dei Roxy Music – potremmo osservare che la voce del cantante, giunto alla soglia dei settant’anni ha perso un po’ in intensità, ma l’artista compensa con grande mestiere l’affievolimento privilegiando i toni sussurrati nei quali peraltro è sempre stato maestro.

Qualcuno potrebbe affermare che il disco non contenga grandi novità, e non potrei dargli torto, ma il livello qualitativo è così elevato che non mi sento francamente di tacciare questo lavoro di mera operazione all’insegna della nostalgia più furba. Innegabile tuttavia che le vette dell’album siano raggiunte con i brani meno tradizionali sotto il profilo dell’arrangiamento e dell’interpretazione. Mi riferisco all’incantevole cover di Johnny and Mary del compianto Robert Palmer, trasformata da tormentone dance elettronico in una ballata sognante cantata con un filo di voce, impreziosita da suoni sintetici degni dei migliori Depeche Mode, grazie alla mano sapiente del produttore norvegese Todd Terje.

Non meno interessante l’altra reinterpretazione, Send in the Clowns, intensa e drammatica.

In generale si tratta di un lavoro dunque ben riuscito, grazie anche allo staff a dir poco stellare di musicisti e produttori all’opera: oltre al già menzionato Todd Terje, non posso non menzionare Nile Rodgers, la cui chitarra inconfondibile aleggia un po’ in tutto il disco. Ma nell’altisonante lista compaiono anche i nomi di Mark Knopfler (da… gustare in Lost), Johnny Marr, Flea, Ronnie Spector e Maceo Parker, tutti asserviti – è questa la novità, per citare Lucio Dalla al confezionamento di un amalgama sonoro tanto compatto quanto appagante all’ascolto. Non c’è dunque da stupirsi se il risultato finale sia un album da stato dell’arte.

E pazienza se il brizzolato Bryan indulge all’autocitazione: lo fa così bene che in fondo possiamo perdonarlo, se non addirittura ringraziare…

Tracklist

  1. Loop De Li
  2. Midnight Train
  3. Soldier of Fortune
  4. Driving Me Wild
  5. A Special Kind of Guy
  6. Avonmore
  7. Lost
  8. One Night Stand
  9. Send In The Clowns
  10. Johnny and Mary



Luigi Milani

 
Luigi Milani è giornalista freelance, editor e traduttore. Autore di due romanzi e una raccolta di racconti, ha curato le edizioni italiane degli ultimi due libri di Jasmina Tešanović, Processo agli Scorpioni e Nefertiti (Stampa Alternativa 2008-2009), e le versioni italiane di alcuni racconti di Bruce Sterling (40k eBooks). È tra i fondatori delle Edizioni XII. Vive e lavora a Roma. Per la Graphe.it edizioni dirige la collana di narrativa digitale eTales.


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.