Random Article


L’auto assoluzione di Vasco Rossi: Sono innocente

 

 
Scheda
 

Autore: Vasco Rossi
 
Titolo: Sono innocente
 
Etichetta: Universal
 
Anno: 2014
 
Genere: ,
 
Il nostro voto
 
 
 
 
 


User Rating
17 total ratings

 

Aspetti positivi


Vasco è tornato ed è in gran forma!

Aspetti negativi


Qualche caduta di tono qua e là, ma niente di grave...


In sintesi

Sono innocente è una piacevole (ri)scoperta del Vasco migliore e allo stesso tempo la conferma che l’artista si è lasciato alle spalle i problemi di salute.

0
Posted sabato, 21 Marzo 2015 by

 
La nostra recensione
 
 

Vasco Rossi, Sono innocenteLa pubblicazione in rete del nuovo video di Vasco Rossi, Sono innocente, ma…, ci fornisce il destro per parlare dell’album (quasi) omonimo, Sono innocente, uscito lo scorso autunno.

Qualche dato per gli amanti dei numeri: il disco è il diciassettesimo tra quelli registrati in studio, ed è risultato l’album più venduto del 2014, aggiudicandosi a oggi ben cinque dischi di platino. Composto di quindici brani, di cui dieci inediti più due tracce omaggio, anche queste inedite.

L’album costituisce una piacevole (ri)scoperta del Vasco migliore e allo stesso tempo la conferma che l’artista si è davvero lasciato alle spalle i seri problemi di salute che l’hanno afflitto pochi anni fa e che lo costrinsero a interrompere la tournée del 2011.

Il brano d’apertura, quello del video citato in apertura, rappresenta in un certo senso una sorta di manifesto programmatico del nuovo corso del Blasco nazionale: suono rock tendente al metal, molto più che in passato, con chitarre e batteria grintosissime. Manifesto però anche dal punto di vista contenutistico, con un testo che più cantautorale non si può, sincero e autobiografico.

Si prosegue sulla stessa lunghezza d’onda con Duro incontro, con echi dal primo Vasco. Come vorrei è una romantica ballata rock, malinconica e convincente, destinata forse a diventare un classico. In Lo vedi è la chitarra potente del bravissimo Vince Pastano a dare un’impronta decisamente metal al brano, interpretato dal cantautore di Zocca con grande convinzione. Davvero ottimo. Non meno validi Aspettami e Dannate nuvole, molto elaborati e quasi sorprendenti negli arrangiamenti, con aperture anche all’elettronica.

Il Blues della chitarra sola è la classica bizzarria “alla Vasco”, sperimentale e anche un po’ sgangherata, ma si fa perdonare… Accidenti come sei bella è una canzone ruffiana sì, ma ben riuscita, e ben testimonia lo stato di grazia del Nostro. Quante volte è un brano intriso di malinconia, arrangiato in maniera notevole. Sorvoliamo invece su Cambia-menti, un po’ incerta e in definitiva non del tutto riuscita, a differenza di Rock star, che fa sfoggio di suoni heavy strepitosi. L’uomo più semplice strizza l’occhio alla produzione del Vasco degli anni ’80: non male. Molto interessante se non spiazzante L’Ape regina, tra archi e violini elettrici.

Da ultimo, un brano scritto da un Vasco Rossi quindicenne, Marta piange ancora: sfiziosa e divertente, ma per fan irriducibili.

Concludiamo segnalando il prossimo avvio – il 7 giugno – del tour Live Kom ‘015, già quasi tutto “sold out”.

Playlist

  1. Sono innocente ma…
  2. Duro incontro
  3. Come vorrei
  4. Guai
  5. Lo vedi
  6. Aspettami
  7. Dannate nuvole
  8. Il blues della chitarra sola
  9. Accidenti come sei bella
  10. Quante volte
  11. Cambia-Menti
  12. Rock Star
  13. L’ape regina (feat. Speakeasy studios)
  14. Marta piange ancora (feat. Speakeasy studios)
  15. L’uomo più semplice (Reloaded)



Luigi Milani

 
Luigi Milani è giornalista freelance, editor e traduttore. Autore di due romanzi e una raccolta di racconti, ha curato le edizioni italiane degli ultimi due libri di Jasmina Tešanović, Processo agli Scorpioni e Nefertiti (Stampa Alternativa 2008-2009), e le versioni italiane di alcuni racconti di Bruce Sterling (40k eBooks). È tra i fondatori delle Edizioni XII. Vive e lavora a Roma. Per la Graphe.it edizioni dirige la collana di narrativa digitale eTales.


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.