Random Article


Sant’Agostino, vescovo e dottore della Chiesa

 
Sant'Agostino d'Ippona
Sant'Agostino d'Ippona
Sant'Agostino d'Ippona

 
La scheda del santo del giorno
 

Nome: Agostino d'Ippona
 
Data della ricorrenza: 28 agosto
 
Periodo: 354-430
 
Patronato: teologi
 
Grado della celebrazione: memoria
 
Titolo: ,
 

Preghiera


Suscita sempre nella tua Chiesa, Signore, lo spirito che animò il tuo vescovo Agostino, perché anche noi, assetati della vera sapienza, non ci stanchiamo di cercare te, fonte viva dell’eterno amore.


In sintesi

Sant’Agostino di Ippona, vescovo e dottore della chiesa, tra i santi più noti della chiesa, è il santo del giorno 28 agosto.

0
Posted domenica, 28 Agosto 2016 by

 
Il santo del giorno
 
 
Sant'Agostino d'Ippona

Sant’Agostino d’Ippona

Il 28 agosto la chiesa celebra sant’Agostino d’Ippona, uno dei santi più conosciuti di tutta la storia della chiesa. È patrono dei teologi.

Agostino nacque a Tagaste, in Algeria, il 13 novembre del 354 e poi morì a Ippona, sempre in Algeria, città di cui era vescovo, il 28 agosto del 430, durante l’assedio dei Vandali di Genserico.

Decisivo nella vita di Agostino, oltre l’influsso della madre, fu l’incontro con il vescovo Ambrogio dal quale ricevette il Battesimo. Dal suo curriculum di studi e di magistero nella scuola pubblica, attraverso un’appassionata ricerca della verità, passò alla totale sequela di Cristo Signore, punto di convergenza della creazione e della storia. In lui si incontrano in rara sintesi il contemplativo, il teologo, il pastore d’anime, il catechista, l’omileta, il mistagogo, il difensore della fede, il promotore di vita comune. È autore di una regola monastica che influenzò tutte le successive regole dell’Occidente cristiano. I suoi scritti restano un monumento di straordinaria sapienza e lo qualificano come il maggiore fra i Padri e Dottori della Chiesa latina.

Il Martirologio Romano così ne scrive: «Memoria di sant’Agostino, vescovo e insigne dottore della Chiesa: convertito alla fede cattolica dopo una adolescenza inquieta nei princípi e nei costumi, fu battezzato a Milano da sant’Ambrogio e, tornato in patria, condusse con alcuni amici vita ascetica, dedita a Dio e allo studio delle Scritture. Eletto poi vescovo di Ippona in Africa, nell’odierna Algeria, fu per trentaquattro anni maestro del suo gregge, che istruì con sermoni e numerosi scritti, con i quali combatté anche strenuamente contro gli errori del suo tempo o espose con sapienza la retta fede».

Foto | Giusto di Gand (fl. 1460–1480) [Public domain], attraverso Wikimedia Commons




Agiografo

 


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.