Random Article


San Giovanni apostolo ed evangelista

 
San Giovanni apostolo ed evangelista
San Giovanni apostolo ed evangelista
San Giovanni apostolo ed evangelista

 
La scheda del santo del giorno
 

Nome: San Giovanni apostolo ed evangelista
 
Data della ricorrenza: 27 dicembre
 
Periodo: I secolo
 
Patronato: Scrittori, Editori, Teologi
 
Iconografia: Aquila, Calderone d'olio bollente, Coppa
 
Grado della celebrazione: Festa
 
Titolo:
 

Preghiera


O Dio, che per mezzo dell’apostolo Giovanni ci hai rivelato le misteriose profondità del tuo Verbo: donaci l’intelligenza penetrante della Parola di vita, che egli ha fatto risuonare nella tua Chiesa.


In sintesi

Santo del giorno 27 dicembre è san Giovanni apostolo ed evangelista, autore di un Vangelo, di alcune lettere e dell’Apocalisse.

0
Posted 27 Dicembre 2015 by

 
Il santo del giorno
 
 
San Giovanni apostolo ed evangelista

San Giovanni apostolo ed evangelista

27 dicembre: santo del giorno è san Giovanni apostolo ed evangelista, che ci ha lasciato il Vangelo, delle lettere e l’Apocalisse, ultimo libro del Nuovo Testamento.

Figlio di Zebedeo (Mc 1, 20; Mt 4, 21), fratello di Giacomo il maggiore (Lc 5, 10), discepolo di Giovanni Battista (Gv 1, 35-41), è fra i primi a passare alla sequela di Gesù. È il discepolo prediletto che nell’ultima cena posò il capo sul petto di Gesù (Gv 13, 23-25). Testimone della trasfigurazione (Mt 17, 1) e dell’agonia del Signore (Lc 14, 33), è presente ai piedi della croce, dove Gesù gli affida la Madre (Gv 19, 26-27). Insieme a Pietro vide il sepolcro vuoto e credette nella risurrezione del Signore (Gv 20, 1-9).

Evangelista teologo, penetra profondamente il mistero del Verbo fatto uomo, pieno di grazia e di verità (Gv 1, 1-14). Nella prima lettera, vertice di tutta la teologia sapienziale, ci dà la più alta definizione della divinità: Dio è amore (1 Gv 4, 8). Esiliato nell’isola di Patos, fu rapito in estasi nel giorno del Signore (Ap 1, 9-10) ed ebbe le visioni che descrisse nell’Apocalisse, ultimo libro del Nuovo Testamento. La sua memoria il 27 dicembre è ricordata in un «Breviario» siriano della fine del secolo IV e nel martirologio geronimiano, del secolo VI.

Leggiamo nel Martirologio Romano: «Festa di san Giovanni, Apostolo ed Evangelista, che, figlio di Zebedeo, fu insieme al fratello Giacomo e a Pietro testimone della trasfigurazione e della passione del Signore, dal quale ricevette stando ai piedi della croce Maria come madre. Nel Vangelo e in altri scritti si dimostra teologo, che, ritenuto degno di contemplare la gloria del Verbo incarnato, annunciò ciò che vide con i propri occhi».

Di san Giovanni apostolo ed evangelista scrisse Lev Tolstoj: «Mi immagino Giovanni Teologo, del quale si narra che per la gran vecchiaia era tornato ad essere come un bambino. Si narra che nei suoi ultimi anni egli dicesse soltanto: fratelli, amatevi l’un l’altro! Un vecchietto centenario che si muove appena, con gli occhi pieni di lacrime, e biascica soltanto quelle tre parole: amatevi l’un l’altro! In quest’uomo l’esistenza animale non è più che un barbaglio fioco, – è tutta quanta corrosa da un nuovo rapporto con il mondo, da un nuovo essere vivo, che ormai non trova più posto nell’esistenza dell’uomo carnale».

Foto | El Greco [Public domain o Public domain], attraverso Wikimedia Commons




Agiografo

 


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.