Random Article


Santa Teresa Benedetta della Croce (Edith Stein), patrona d’Europa

 
Santa Teresa Benedetta della Croce, al secolo Edith Stein
Santa Teresa Benedetta della Croce, al secolo Edith Stein
Santa Teresa Benedetta della Croce, al secolo Edith Stein

 
La scheda del santo del giorno
 

Nome: Teresa Benedetta della Croce (Edith Stein)
 
Data della ricorrenza: 9 agosto
 
Periodo: 1891-1942
 
Patronato: Europa
 
Grado della celebrazione: festa
 
Titolo: , ,
 

Preghiera


Dio dei nostro padri, che hai guidato la santa martire Teresa Benedetta della Croce alla conoscenza del tuo Figlio crocifisso e a seguirlo fedelmente fino alla morte, concedi, per sua intercessione, che tutti gli uomini riconoscano Cristo Salvatore e giungano, per mezzo di lui, a contemplare in eterno la luce del tuo volto.


In sintesi

9 agosto: la santa del giorno è Teresa Benedetta della Croce – al secolo Edith Stein – carmelitana scalza, martire ad Auschwitz e compatrona d’Europa.

0
Posted 9 Agosto 2016 by

 
Il santo del giorno
 
 
Santa Teresa Benedetta della Croce, al secolo Edith Stein

Santa Teresa Benedetta della Croce, al secolo Edith Stein

9 agosto: oggi è la festa di Santa Teresa Benedetta della Croce – al secolo Edith Stein – carmelitana scalza, martire ad Auschwitz e patrona d’Europa.

Edith Stein nacque a Breslavia il 12 ottobre 1891 e morì poi, martire, ad Auschwitz il 9 agosto 1942.

Nata e formata nella religione giudaica, insegnò egregiamente per diversi anni filosofia, tra grandi difficoltà. Accolse la vita nuova in Cristo attraverso il sacramento del Battesimo e, preso il nome di Teresa Benedetta della Croce, fece il suo ingresso tra le Carmelitane scalze di Colonia, dove si ritirò nella clausura. Durante la persecuzione nazista, esule in Olanda, venne catturata e nel 1942 deportata nel campo di concentramento di Oswiecim – Auschwitz presso Cracovia in Polonia, dove venne uccisa nella camera a gas.

Nel 1999 papa Giovanni Paolo II l’ha dichiarata Compatrona d’Europa con santa Brigida di Svezia e santa Caterina da Siena.

Così la ricorda il Martirologio Romano: «Santa Teresa Benedetta della Croce (Edith) Stein, vergine dell’Ordine delle Carmelitane Scalze e martire, che, nata ed educata nella religione ebraica, dopo avere per alcuni anni tra grandi difficoltà insegnato filosofia, intraprese con il battesimo una vita nuova in Cristo, proseguendola sotto il velo delle vergini consacrate, finché sotto un empio regime contrario alla dignità umana e cristiana fu gettata in carcere lontana dalla sua terra e nel campo di sterminio di Auschwitz vicino a Cracovia in Polonia fu uccisa in una camera a gas».

Papa Giovanni Paolo II e santa Teresa Benedetta della Croce (Edith Stein)

Nel dichiarate Teresa Benedetta della Croce compatrona d’Europa, papa Giovanni Paolo II ha scritto:

Era nata nel 1891 in una famiglia ebraica di Breslau, allora territorio tedesco. L’interesse da lei sviluppato per la filosofia, abbandonando la pratica religiosa cui pur era stata iniziata dalla madre, avrebbe fatto presagire più che un cammino di santità, una vita condotta all’insegna del puro « razionalismo ». Ma la grazia la aspettava proprio nei meandri del pensiero filosofico: avviatasi sulla strada della corrente fenomenologica, ella seppe cogliervi l’istanza di una realtà oggettiva che, lungi dal risolversi nel soggetto, ne precede e misura la conoscenza, e va dunque esaminata con un rigoroso sforzo di obiettività. Occorre mettersi in ascolto di essa, cogliendola soprattutto nell’essere umano, in forza di quella capacità di « empatia » — parola a lei cara — che consente in certa misura di far proprio il vissuto altrui.

Fu in questa tensione di ascolto che ella si incontrò, da una parte con le testimonianze dell’esperienza spirituale cristiana offerte da santa Teresa d’Avila e da altri grandi mistici, dei quali divenne discepola ed emula, dall’altra con l’antica tradizione del pensiero cristiano consolidata nel tomismo. Su questa strada ella giunse dapprima al battesimo e poi alla scelta della vita contemplativa nell’ordine carmelitano. Tutto si svolse nel quadro di un itinerario esistenziale piuttosto movimentato, scandito, oltre che dalla ricerca interiore, anche da impegni di studio e di insegnamento, che ella svolse con ammirevole dedizione. Particolarmente apprezzabile, per i suoi tempi, fu la sua militanza a favore della promozione sociale della donna e davvero penetranti sono le pagine in cui ha esplorato la ricchezza della femminilità e la missione della donna sotto il profilo umano e religioso.

L’incontro col cristianesimo non la portò a ripudiare le sue radici ebraiche, ma piuttosto gliele fece riscoprire in pienezza. Questo tuttavia non le risparmiò l’incomprensione da parte dei suoi familiari. Soprattutto le procurò un dolore indicibile il dissenso della madre. In realtà, tutto il suo cammino di perfezione cristiana si svolse all’insegna non solo della solidarietà umana con il suo popolo d’origine, ma anche di una vera condivisione spirituale con la vocazione dei figli di Abramo, segnati dal mistero della chiamata e dei « doni irrevocabili » di Dio.

In particolare, ella fece propria la sofferenza del popolo ebraico, a mano a mano che questa si acuì in quella feroce persecuzione nazista che resta, accanto ad altre gravi espressioni del totalitarismo, una delle macchie più oscure e vergognose dell’Europa del nostro secolo. Sentì allora che, nello sterminio sistematico degli ebrei, la croce di Cristo veniva addossata al suo popolo e visse come personale partecipazione ad essa la sua deportazione ed esecuzione nel tristemente famoso campo di Auschwzitz-Birkenau. Il suo grido si fonde con quello di tutte le vittime di quella immane tragedia, unito però al grido di Cristo, che assicura alla sofferenza umana una misteriosa e perenne fecondità. La sua immagine di santità resta per sempre legata al dramma della sua morte violenta, accanto ai tanti che la subirono con lei. E resta come annuncio del vangelo della Croce, con cui ella si volle immedesimare nel suo stesso nome di religiosa.

Foto | WikiCommons




Agiografo

 


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.