Random Article


«Il ladro di merendine» di Camilleri con Éureka 2016 di Marabino

 
«Il ladro di merendine» di Camilleri con Éureka 2016 di Marabino
«Il ladro di merendine» di Camilleri con Éureka 2016 di Marabino
«Il ladro di merendine» di Camilleri con Éureka 2016 di Marabino

 
Il libro e il vino
 

Titolo libro: Il ladro di merendine
 
Autore: Andrea Camilleri
 
Nome vino: Éureka 2016 di Marabino
 
Genere:
 
Voto libro
 
 
 
 
 


 
Voto vino
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 


User Rating
no ratings yet

 

Aspetti positivi


Il libro mi piace perché secondo il mio modestissimo parere Camilleri scrive benissimo e la storia è ben congegnata. Il vino è una piacevole bevuta sia da solo come buon aperitivo, che in compagnia di pietanze a base di pesce o carni bianche.

Aspetti negativi


Non posso dire che ci sia qualcosa che non mi sia piaciuto nel libro: solo se state seguendo una dieta, i pranzi luculliani del commissario vi faranno vacillare. Anche per il vino non posso esprimermi negativamente, neanche sul prezzo.


In sintesi

Al romanzo «Il ladro di merendine» di Andrea Camilleri abbiniamo il vino Éureka 2016 di Marabino, uno Chardonnay in purezza.

1
Posted sabato, 14 aprile 2018 by

 
Il nostro abbinamento
 
 
Andrea Camilleri, Il ladro di merendine

Andrea Camilleri, Il ladro di merendine

Durante gli anni delle superiori incappai nei romanzi di Andrea Camilleri, ma all’epoca trovai troppo difficile, o comunque poco piacevole, leggere in dialetto siciliano. A essere sincera, lo trovavo irritante, soprattutto perché oberata di cose da leggere per lo studio e nel momento della mia lettura libera volevo qualcosa che mi rilassasse. Diversi anni dopo, visto che in famiglia e anche qualche amicizia in molti mi parlavano di un amore viscerale per questi romanzi mi sono fatta suggerire il titolo migliore secondo loro. The winner is: Il ladro di merendine.

Terzo in ordine di pubblicazione del sicilianissimo Andrea Camilleri, che, come è noto, non è solo scrittore, ma anche sceneggiatore, regista, drammaturgo e docente. I suoi romanzi più noti sono quelli incentrati sulle storie poliziesche che ruotano intorno alla figura del commissario Montalbano.

Il ladro di merendine

Una mattina, nella soleggiata Vigata arriva la notizia di un morto africano su di un peschereccio italiano in acque internazionali; lo stesso giorno viene ammazzato in un ascensore un ex commerciante, un certo Lapecora. Due omicidi distinti e senza apparente collegamento, almeno finché le indagini non vengono approfondite. A queste due morti si aggiungono la scomparsa di una donna tunisina e di suo figlio. Ma qualcosa scombussola una scuola elementare, dove delle madri lamentano presso un vigile furti ripetuti di merendine a opera di un bambino extracomunitario.

Éureka 2016 di Marabino abbinato a «Il ladro di merendine» di Camilleri

Il vino Éureka 2016 di Marabino

In un meraviglioso ingarbugliamento, Camilleri tesse le storie di tutti questi omicidi e scomparse, tenendo il lettore col fiato sospeso, ma con tanta leggerezza. Il modo di scrivere è scorrevolissimo. La storia si dipana sotto i nostri occhi, senza i colpi di scena alla Dan Brown, dove la suspense viene creata matematicamente.

Ovviamente non svelerò come e perché le storie si intrecciano, ma posso affermare che quelle poche parole in dialetto non sono state più un ostacolo a una lettura che si è rivelata piacevolissima. Letto questo romanzo ne leggerò anche altri dello stesso autore, sperando sempre in questa stessa maestria.

L’abbinamento con il vino Éureka 2016 di Marabino

A un certo punto del racconto, il commissario Montalbano si siede in un ristorante e mangia un pesce con dello zafferano: ed ecco in questo momento ho pensato a un abbinamento col piatto più che con il libro.

L’Éureka di Marabino è uno Chardonnay in purezza dal colore giallo-oro carico, pieno di sole, profumato, minerale ricco senza essere pesante come molti suoi conterranei. Privo di opulenze da barrique mal dosate, frutto di biodinamica e una leggera filtrazione, uso di lieviti indigeni e tanto buon senso, questo vino è appagante e stimolante allo stesso tempo, rendendosi un prezioso vino conviviale. Buono, non scontato e neanche troppo importante da dover essere stappato in occasioni speciali, questo vino della val di Noto è superconsigliato.




Anais Vin

 
Sono nata a Roma nell'anno del titolo di un celebre libro di Orwell. Normalmente vivo qui, ma mi sposto di frequente. Leggo molto e bevo altrettanto. Amo la buona compagnia, il cibo, viaggiare e la musica. Anais Vin è lo pseudonimo che utilizzo per questa rubrica; il mio vero nome è Alessia Cattarin.


One Comment


  1.  
    Giovanni

    Bella recensione, come sempre 🙂





Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.