Random Article


Musica per organi caldi di Bukowski e Morning Glory Cocktail

 
Musica per organi caldi e Morning Glory Cocktail
Musica per organi caldi e Morning Glory Cocktail
Musica per organi caldi e Morning Glory Cocktail

 
Il libro e il vino
 

Titolo libro: Musica per organi caldi
 
Autore: Charles Bukowski
 
Nome vino: Morning Glory Cocktail (è un cocktail, non un vino)
 
Genere:
 
Voto libro
 
 
 
 
 


 
Voto vino
 
 
 
 
 


 
Total Score
 
 
 
 
 


User Rating
6 total ratings

 

Aspetti positivi


Il libro è divertente, irriverente e sacrilego; il cocktail è energizzante.

Aspetti negativi


Gli ingredienti del cocktail possono trovare resistenze nei gusti, come anche il cinismo di Bukowski.


In sintesi

Se vi accingete a leggere “Musica per organi caldi” di Charles Bukoswki potete accompagnare la lettura con un Morning Glory Cocktail: un nome perfetto!

0
Posted sabato, 13 Aprile 2013 by

 
Il nostro abbinamento
 
 

Musica per organi caldi è un libro formato da trentasei racconti di Charles Bukowski, scrittore e poeta americano, conosciuto per il suo rapporto indissolubile con l’alcol. Le storie – pubblicate nel 1983 con il titolo di Hot Water Music e poi in italiano nel 1985 da Feltrinelli come Musica per organi caldi – spesso narrano di giornate trascorse a bere, a compiere lavori poco entusiasmanti ma che servono per racimolare giusto quel po’ di grana per comprarsi dell’altro alcol e sesso, a volte occasionale a volte con una compagna di sbronza.

Divertente, a tratti un po’ crudo, il suo stile di scrittura lo rende uno dei capostipiti del realismo sporco.

Protagonista di questi racconti è Henry “Hank” Chinasky (che troviamo in molte altre opere di Bukowski) trasposizione in parte autobiografica di uno scrittore in cerca di pubblicazioni, che nell’attesa si arrangia alla meno peggio. Una frase per tutte tratta da Musica per organi caldi è perfetta per ambientare questo post:

Non riesco ad affrontare la vita, quando sono sobrio.

Musica per organi caldi di Bukowski e Morning Glory CocktailIl Morning Glory Cocktail

In abbinamento a questo libro sarebbe perfetto uno scotch whisky scadente o sei lattine di birra di bassa qualità, ma forse sarebbe anche troppo scontato. Ho pensato a un cocktail dal nome ironicamente perfetto: Morning Glory, pensando all’autore o al protagonista del libro che dopo una nottata di disordini, si sveglia dopo un paio di ore per recarsi al suo deprimente lavoro o alle corse dei cavalli, trangugiando questo cocktail energetico e alcolico.

Per realizzarlo occorrono 5-6 cl di scotch whisky, uno spruzzo di Pernod o Pastis o Richard, un albume, il succo di mezzo limone, due cucchiaini di zucchero semolato e soda water. Shakerate energicamente tutti gli ingredienti, a eccezione della soda water, con qualche cubetto di ghiaccio, filtrate e versate in un tumbler, poi aggiungete un goccio di soda water e buona lettura!

Foto | WikipediaCaroline on Crack

 




Anais Vin

 
Sono nata a Roma nell'anno del titolo di un celebre libro di Orwell. Normalmente vivo qui, ma mi sposto di frequente. Leggo molto e bevo altrettanto. Amo la buona compagnia, il cibo, viaggiare e la musica. Anais Vin è lo pseudonimo che utilizzo per questa rubrica; il mio vero nome è Alessia Cattarin.


0 Comments



Be the first to comment!


Leave a Response


(required)


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.